Però un paese ci vuole

Storia di nebbie e contentezza
Giovanna Grignaffini

Forse per la prima volta, la generazione degli anni Sessanta prende finalmente congedo dal proprio passato, in questo romanzo intessuto di sentimento ma anche di lucida ironia.
Un paese : volti che si assomigliano, abitudini che non cambiano. Radici. Francesca torna in quel paese nel 1989, vent’anni dopo averlo lasciato, e ritrova amicizie, parole, amori e canzoni. Tutte le tracce ancora visibili del suo appassionato romanzo di formazione.
Scorrono i giorni del grande caldo immobile e delle fiere, dei balli, delle notti piene d’anguria e di “ti ricordi?”. Li accompagna l’indimenticabile colonna sonora di un’epoca ( Kinks, Beatles, Nomadi, Caselli…)
Ma questa volta c’è un segreto nell’aria, che fa slittare tutte le prospettive e trae in inganno anche la memoria.
Perché Francesca è tornata?
Perché qualcuno continua a spedirle misteriose buste gialle?
Scritto in un lessico familiare impastato di voci di memoria e di paese, luoghi comuni e poesie, questo diario di una generazione tormentata - che ha respirato l’aria del boom e del ’68 senza essere mai andata a sedersi in prima fila – rilancia una domanda : da quel paese, da ogni paese, bisogna andarsene?

E' possibile scaricare un estratto del libro -> clicca qui

Però un paese ci vuole

Storia di nebbie e contentezza
Giovanna Grignaffini

Booktrailer

Quando il privato fa storia …

Written by autrice. Posted in citazioni


– Si viveva prima della rivoluzione – disse Franco.
– Ragazzi – disse Carlo alterato – qui state confondendo i classici problemi della storia con i tipici problemi della giovinezza. Eravamo solo giovani, non prima della rivoluzione.
– Si poteva parlare per ore della vita, dell’amore, di quello che avremmo fatto domani. E domani era sempre nel futuro – disse Cinzia.
– Ragazzi vorrei ricordarvi che sul domani abbiamo solo tradotto in musica il bollettino meteorologico, è la pioggia che va, ritorna il sereno. Quanto alla vita, al suo mistero e alle sue domande, noi Ribelli ci siamo lasciati tormentare a lungo da una domanda non propriamente umana: e chi mai sarà la ragazza del clan?
Leggi tutto

Però un paese ci vuole

Written by autrice. Posted in citazioni

Foto Stefano BarnabaSulla frase da dire, invece, aleggiava ancora molta incertezza,perché si poteva prender tempo con la distanza che non è vera distanza e le radici che sono vere radici, ma dalla tautologia prima o poi bisognava uscire. Assolutamente da escludere lontano dagli occhi lontano dal cuore, date le circostanze. Da biasimare mariti e buoi dei paesi tuoi e un paese come il sangue non è acqua. …

Contentezza

Written by autrice. Posted in citazioni


Sul disco avevo già deciso, perché ogni volta che in quei giorni ripensavo a quei favolosi anni tornava sempre fuori quella contentezza un poco idiota e stralunata. …

Album

Colonna sonora


: cliccare su Playlist e/o l'icona icona playlist per visualizzare le miniature dei video :